Vai al contenuto

Rolling Popcorn

La casa in fondo al lago

  • Luca 

La casa in fondo al lago
1h 25min | Drama, Horror, Mystery | 2021

IMDb RATING

5,4/10

La casa in fondo al lago (2021)
The deep house (2021)

Regia: Alexandre Bustillo, Julien Maury
Sceneggiatura: Alexandre Bustillo, Julien David (adattamento della sceneggiatura inglese), Julien Maury
Attori principali: Camille Rowe, James Jagger, Eric Savin

La casa in fondo al lago

Ammazza che ansia

Siete ansiosi? Soffrite di talassofobia, claustrofobia o di idrofobia? Se la risposta è sì ad almeno una delle cose indicate, vi ricordiamo che è uscito Hotel Transylvania 4 😅.

Iniziamo con qualche cenno sulla trama.

I protagonisti sono due giovani urbex vlogger (e cioè come ci insegna Wikipedia: “L’urban exploration, tradotta letteralmente dall’inglese come “esplorazione urbana”, consiste nell’esplorazione di strutture artificiali, spesso rovine abbandonate o componenti poco visibili dell’ambiente urbano”) Tina (Camille Rowe) e Ben ( James Jagger). La coppia è alla ricerca della struttura giusta da filmare per poter raggiungere un numero notevole di follower e poter così monetizzare il loro hobby, trasformandolo in un vero e proprio lavoro.

I due si recano nel sud della Francia, in un paesino apparentemente poco frequentato, perché da alcune informazioni in possesso di Ben, nel lago (artificiale) della cittadina, sembra che ci sia una città sommersa tutta da esplorare. Allenati e attrezzati a dovere (ovviamente essendo un horror, le attrezzature non bastano mai…), incontrano un uomo del luogo Pierre (Eric Savin) che si offre di accompagnarli nella parte più difficile da raggiungere e meno turistica del lago. Ben fiuta il colpo grosso, Tina invece preferirebbe passare una giornata di relax come semplice turista. Indovinate chi dei due la spunta? Vi do un’indizio, se avessero vinto le ragioni di Tina, il film sarebbe durato 25 minuti e si sarebbe chiamato “Una giornata di sole al lago”.

Camille Rowe, James Jagger e Eric Savin, La casa in fondo al lago (2021)

Non aprite quella porta! più palese di così…

🚨 Attenzione spoiler 🚨

Se volete vedere il film senza spoiler non leggete questa parte.

Ok i due ragazzi si fidano di Pierre, il tipo superinquietante che per tutto il viaggio in auto fissa Tina, parlando pochissimo. La ragazza in un momento in cui Pierre si allontana, confessa il suo disagio al fidanzato, ma 1billionfollowers (cioè Ben) non da peso alla cosa.

Arrivati al lago (dopo un lungo viaggio in auto e tanta strada percorsa a piedi nel bosco) i ragazzi si preparano all’immersione, mentre Pierre li guarda sornione.

La prima struttura che si trovano davanti i due vlogger è una cripta. Ben vede bene di aprirla, mentre Tina gli dice di non farlo perché porta male. Non solo Ben lo fa, ma fa una scenetta dicendo di essere Gesù… avete capito chi è il più spavaldo dei due? Chi sarà dei due a far partire la turbo-devastazione-del-male-of-hell?

Andando avanti le cose si fanno più sinistre e spaventose. Per farvi capire il livello di deficienza cognitiva dei due protagonisti, ad un certo punto si trovano in una stanza ed una porta è bloccata da UN CRISTO IN CROCE ALTO DUE METRI… cioè già ti sei fidato di Pierre il viscido, poi la prima struttura che torvi è una cripta fuori dalla casa, entri e tutto è super creepy, l’ossigeno che hai a disposizione si aggira alla metà della bombola, ti trovi una porta sigillata con UN CRISTO IN CROCE ALTO DUE METRI e cosa fai? Lo schiodi perché vuoi vedere cosa c’è sigillato dietro quella porta! Mi sembra una reazione molto logica, perché non ti togli anche il respiratorre per vedere l’effetto che fa?… Cosa ci potrà mai essere dietro la porta? Se qualcuno si è preso la briga di trovare il crocifisso ligneo più grosso del sud della Francia, di portarlo nella casa spaventosa nella parte remota del villaggio in mezzo ad un bosco e di inchiodarlo ad una porta per sigillarne la stanza, che cosa mai ci sarà la dietro? Forse Ben e Tina avranno pensato ad un eccesso di estro di un interior designer? Comunque, dentro la stanza ci sono (rullo di tamburi) due cadaveri non decomposti (intatti dopo anni passati in acqua), incatenati, con addosso delle maschere da tortura medievali. Alché Tina e Ben, spaventati prima se ne vanno, poi per alcune vicessitudini si separano, intanto pensano bene di togliere le maschere ai due morti (ma perché?!?), il tutto mentre hanno delle allucinazione e sono braccati da zombie/entità/fantasmi che popolano (ovviamente) la casa.

Non vi diciamo come va a finire.

Camille Rowe in The deep house (2021)

Considerazioni finali

La casa in fondo al lago (The deep house) è uno di quei film dove ti inca**ati con i protagonisti durante il film. Tina e Ben sono stregati dalla casa e dalla fama (almeno Ben lo è) e queste due ragioni li spingono a compiere azioni illogiche e azzardate.

Sicuramente è molto interessante il contesto della profondità del lago e della casa demoniaca.
Un film originale ad alto tasso di ansia.

The deep house (2021)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *